Il mercato delle criptovalute credo sia uno dei mercati più spietati che esistano (per quanto riguarda i piccoli investitori ovviamente).

Stiamo parlando di un mercato estremamente giovane la cui colazione è a base di: manipolazione, truffe e volatilità.

La prima cosa che bisogna fare è imparare a sopravvivere ed a convivere con questi tre fattori. La seconda cosa è imparare dalla storia.

Le considerazioni che troverete di seguito non sono considerazioni personali e non sono consigli finanziari.

Come da filosofia:

Don’t trust, verify. Non credere, verifica.

La più grande stampa di moneta di sempre

Guardate la foto seguente. Rappresenta, nel primo dopoguerra tedesco, un signore che letteralmente “spazzola” banconote da terra.

Perchè al posto che raccogliere le banconote le sta solo “spazzolando” da terra?

Semplicemente perchè non valevano più nulla.

La Germania, come sappiamo, uscì dalla prima guerra mondiale letteralmente “a pezzi”. Un milionario nel 1923, solo cinque anni dopo era al verde.

Quale fu la politica monetaria messa sul piatto per risollevare le sorti del paese?

La stampa di moneta in quantità industriali. Uno scenario che sembra si stia ripetendo, come possiamo osservare dalla seguente immagine (clicca qui per approfondire cosa sia il quantitative easing).

Quantitative easing

Lo stesso scenario ha iniziato a verificarsi anche nel 2008 quando gli Stati Uniti, in seguito alla crisi dei mutui subprime ed al fallimento del colosso Lehman Brothers, hanno iniziato a stampare trilioni di dollari.

Oggi, a causa del coronavirus, le cose non vanno molto diversamente.

La storia si ripete. Chi non conosce la storia è destinato a subirla una seconda volta.

La FED ha recentemente annunciato di voler stampare altri trilioni di dollari (leggi qui per capire cosa sia l’helicopter money).

Chi saranno le persone a soffrire maggiormente di questa politica monetaria?

I risparmiatori, a causa della diminuzione del potere d’acquisto dovuta all’inflazione, a imposte più alte e a bassi tassi di interesse sui risparmi.

L’immagine seguente rappresenta il potere d’acquisto del dollaro negli ultimi 100 anni.

Il dollaro ha perso il 95% del proprio potere d’acquisto negli ultimi 100 anni. Dubito che ne impieghi altri 100 per perdere il rimanente 5% – Robert Kiyosaki.

La previdenza sociale

Grafico previdenza sociale

Cosa significa questo grafico?

Risposte diverse per persone diverse.

Se sei un over 50 forse lo Stato riuscirà a garantirti uno straccio di pensione nei prossimi anni della tua vita (te lo auguro di cuore).

Se invece sei un under 50 prova a darti una risposta da solo.

Per farsi un’idea basta dare un’occhiata anche a questo grafico.

Grafico-disoccupazione-stati-uniti

Tuttavia se sei un under 50 con una connessione stabile ed una buona istruzione finanziaria (Internet is the way) questa può essere l’occasione di una vita.

Bitcoin

Non mi piace definirmi un massimalista riguardo a Bitcoin.

Come qualsiasi software presenta dei problemi (vi ricordo che Bitcoin è un complesso insieme di righe di codice) e solo ed unicamente il tempo potrà fare da giudice.

Intellettualmente però credo che serva un minimo di commozione per il fatto che:

Bitcoin è il primo bene digitale scarso che il mondo abbia mai conosciuto. È scarso come l’argento e l’oro, e, in più, può essere inviato attraverso Internet, radio, satellite ecc.

Secondo numerosi esperti, fareste molto meglio a considerare l’idea di preservare la vostra ricchezza in futuro affidandovi ad un protocollo regolato dalla matematica e dalla crittografia piuttosto che a fidarvi di scellerate politiche monetarie inflazionistiche attuate da banche e governi.

Vi stupirete del fatto che della vostra banca non conoscete nulla (bilancio, architettura dei server, sicurezza nelle transazioni) mentre nel protocollo bitcoin tutto è scritto, tutto è consultabile e tutto è re-scrivibile (essendo un progetto open-source).

Inflazione monetaria di Bitcoin: come funziona

L’offerta di bitcoin è fissa.

Nuovi bitcoin vengono creati in ogni nuovo blocco.

I blocchi vengono creati in media ogni 10 minuti, quando un miner (minatore) trova il valore di hash che soddisfa la PoW (Proof-of-Work) richiesta per un blocco valido.

La prima transazione in ogni blocco, chiamata coinbase, contiene la ricompensa per il minatore che ha trovato il blocco.

La ricompensa è costituita dalla somma delle commissioni che le persone pagano per le loro transazioni inserite in quel blocco e dalle monete appena create (subsidy).

La subsidy iniziale era pari a 50 bitcoin e viene dimezzata ogni 210.000 blocchi (circa ogni 4 anni).

Ecco perché gli halving(dimezzamenti) della subsidy sono molto importanti per l’offerta monetaria di Bitcoin.

Gli halving inoltre comportano il fatto che il tasso di crescita dell’offerta (nel contesto di Bitcoin di solito chiamato “inflazione monetaria”) sia a gradini e non regolare.

Tasso di inflazione Bitcoin

Scarsità e stock-to-flow

Tra tutti i modelli di previsione, lo stock-to-flow è quello che più mi piace e che reputo più veritiero in quanto già utilizzo per altri beni scarsi come Oro e Argento per esempio.

La scarsità può quindi essere quantificata dal rapporto SF.

SF = stock / flow

Stock è la dimensione delle scorte o delle riserve esistenti. Flow è la produzione annuale. Invece di SF, generalmente si usa anche il tasso di crescita dell’offerta (flow/stock).

Stock to flow dei beni

L’oro ha il valore più alto, SF 62: ci vogliono 62 anni di produzione aurifera per ottenere l’attuale stock.

L’argento è secondo con SF 22. Il fatto di avere SF alto li rende entrambi beni monetari.

Il palladio, il platino e tutte le altre materie prime hanno SF a malapena superiore a 1.

Bitcoin ha attualmente uno stock di 17,5 milioni di monete e un’offerta di 0,7 milioni monete/anno (dati aggiornati prima del recente halving), quindi uno SF 25.

Questo colloca il Bitcoin nella categoria dei beni monetari come oro ed argento.

Per gli amanti della F.O.M.O. di seguito un’ipotesi di prezzo secondo tale modello.

Modello stock-to-flow

Considerazioni Finali

Vi ringrazio per essere giunti sino a questo punto nella lettura.

Ovviamente nessuno di noi può prevedere il futuro.

Nessuno può dire con certezza se lo Stato in cui viviamo o il paradigma economico attuale ci garantiranno un futuro radioso o meno.

Quello che è sicuro però è che la storia, così come i mercati finanziari, è ciclica e tende a ripetersi nel tempo.

Per questo è estremamente importante studiarla.

My two cents…